For more extensive artist's bio, articles and list of exhibitions, visit artist(s) website(s). Many of the images displayed on this site are copyrighted, and are used here only for purposes of education or critical review. All rights are reserved by the artists who created the works referenced herein.

Painting is silent poetry, and poetry is painting that speaks. Simonides

Nicola Vietti














"Nicola Vietti, nato a Marsiglia il 22 Marzo 1945, da genitori italiani di origine pugliese emigrati in Francia all'inizio del secolo. 
Numerose le mostre personali e collettive. E' presente in cataloghi e riviste specializzate.

Nicola Vietti, nato a Marsiglia il 22 Marzo 1945, da genitori italiani di origine pugliese emigrati in Francia all'inizio del secolo. 
Numerose le mostre personali e collettive. E' presente in cataloghi e riviste specializzate. 
Attualmente vive e lavora a Milano, dopo un lungo periodo trascorso a Parigi. 
Le figure di donnine di Nicola Vietti, si possono guardare da ogni lato, di tre quarti, di profilo, di spalle.
Il significato del viso, la profonda somiglianza, le moine e la mimica facciale tra il romantico e il sensuale si perdono all'infinito. 
Donnine languide e serene, carnose e volubili, lussuose e sornione, pacifiche e tranquille, colte in piedi o in riposo sui divani, a passeggio con cappellini e fasce avvolgenti i capelli, insomma Nicola Vietti non lascia alcun particolare di questa pantomima post-aristocratica, cogliendo ed evidenziando tutta la sua didattica libertinità, la corruzione salottiera, l'arma adultera, il romantico innamoramento, la fatalistica malizia. 
Lo stile potrebbe rimandare a dei padri, che non vanno a questo punto dimenticati, come l'internazionale Botero e Bueno che offrono a Nicola Vietti lo spunto di partenza di uno stile tentato con disincanto.
La decorazione e i colori dal verde marcio al verde pastello, dai rossi agli arancioni, dai bianchi e dai panna agli azzurri e ai celesti, segnano temi e convenzioni che solo donne da bistrot, o da letto, o da case chiuse che purtroppo non ci sono più, manifestano in modo cosi chiaro.
Una didascalia letizia, come un trionfo da ballata quotidiana e visi sorridenti. Visi ammiccanti. Smorfie e sguardi. E tutta la superficie del viso imbellettata si mette a ridere. 
Strano modo di ridere. Sono gli occhi a ridere. Di gioia e di sesso...
Nicola Vietti, come questa antologia libidinosa, bambolesca, recita a soggetto, apre lo spettacolo erotico, fatto di calzamaglie e indumenti intimi, ma anche di carne rosa e di sguardi penetranti. 
L'arte inizia in questi richiami."


































No comments:

Followers

Blog Archive

Labels

Related Posts with Thumbnails