For more extensive artist's bio, articles and list of exhibitions, visit artist(s) website(s). Many of the images displayed on this site are copyrighted, and are used here only for purposes of education or critical review. All rights are reserved by the artists who created the works referenced herein.

Painting is silent poetry, and poetry is painting that speaks. Simonides

Ivan Lardschneider














IVAN LARDSCHNEIDER

He was born in Bozen, 1976. He exhibits since 2005. His sculptures and art works are today present in Ladino Museum, and at many famous galleries in Paris, Saint Paul de Vence, Rome, Milan, Turin and Berlin. Not less important that his works are in Italian Swiss and German private collections.

He took part at one of the side events during la Biennale di Venezia in 2009, while, this year, he was one of the artists invited to the Syrian Arab Republic Pavilion at the 54th International Art Exhibition in Venice, again.

From 2008 until the recent days, his solo exhibitions have been organised in Milan, Parexel International Center in Berlin, Leonart Gallery in Treviso, in Miart, Padua and Verona Art Fairs.
During the last year, he participated in travelling group exhibition “Dadaunpop” which was shown in Bombay, Calcutta and New Delhi. Igor Zanti was the curator of this great event.





Nelle opere di Ivan Lardschneider è ravvisabile lo scorrere sottile di uno spirito ludico e giocoso.
Le presenze reali vengono rielaborate in un immaginario semplice e seducente quanto misterioso. Nel contesto ora delineato trovano spazio gli effetti di decontestualizzazione che sorprendono lo spettatore. Ecco allora che si giunge a contatto con aree creative nelle quail l’alterazione sottile della realtà acquista un sapore incantato e sospeso. Inoltre emerge all’attenzione l’aspetto formale, curato nella direzione di una sperimentazione verso i limiti dell’astrazione e del disegno infantile. Il recupero di forme regressive, di strategie compositive radicate nella creatività infantile come in quelle proprie del primitivo, costituiscono un importante arco d’indagine proprio dell’arte contemporanea, che vuole restituire all’uomo adulto e tecnologizzato cariche emotive andate dimenticate o perdute. La cura tecnico/realizzativa necessaria a queste opere di natura lignea indica un percorso che vuole conservare elementi della tradizione in un nuovo contesto legato all’attualità.









Curriculum:
Ivan Lardschneider - Nato a Bolzano il 16.01.1976
1997
• Apprendistato Scultore
1999-2004
• studio di scultore dai maestri d'arte Nogler Othmar e Aron Demetz
2000, 2001 e 2004
• Unika
2004
• „Premio Arte„ della Rivista Arte
• 2. Premio per la realizzazione di un opera d'arte del concorso di Selva Val Gardena
2005
• Mostra collettiva a Venezia, Ferrara, Milano, Lecce, Arte Padova 2005, Galleria Unika
2006
• Mostra Personale nell'Istitut Micura de Rü (Val Badia - St. Martin de Tor - Alto Adige)
• Mostra collettiva nella Galleria Scoletta - San Zaccheria (Venezia)
• Mostra collettiva nella Galleria Metropolitan Art - Lecce
• Mostra Personale nel Parexel International - Berlino
• Arte Padova 2006 - Galleria Unika
• Collaborazione con la rivista d arte “ Euroarte “ di Raffaele de Salvatore
e Anna Maria Gentile
• Coordinazione del Progetto Bolzano 2006 con Paul Moroder Doss , Aron Demetz
e Egon Decori. Realizzazione dei modellini in creta.
2007
• Collettiva a Milano, Roma e Capri con la galleria d'arte Grispi
• Kunstart a Bolzano con la Galeria Unika
• Triennale Ladina 2007
• Arte Padova 2007

quote


Facebook page's here
and here

No comments:

Followers

Blog Archive

Labels

Related Posts with Thumbnails