For more extensive artist's bio, articles and list of exhibitions, visit artist(s) website(s). Many of the images displayed on this site are copyrighted, and are used here only for purposes of education or critical review. All rights are reserved by the artists who created the works referenced herein.

Painting is silent poetry, and poetry is painting that speaks. Simonides

Maurizio Rapiti























MAURIZIO RAPITI






Maurizio Rapiti è nato nel 1985 a Sansepolcro (AR). Risiede e lavora nella vicina Città di Castello (PG).
Dopo aver conseguito il diploma di scuola superiore si dedica alla pittura nello studio del padre Giovanni. Grazie al proprio stile e alla tecnica conseguita riesce subito a farsi apprezzare nel settore ottenendo diversi riconoscimenti nei concorsi di pittura, nonché premi.
La pittura di Maurizio Rapiti colpisce per l'assoluto realismo delle sue pennellate, un realismo che al tempo stesso è costellato di simboli che rimandano all'esperienza surrealista di pittori quali Magritte. Ed è in questa fusione di reale e onirico che le opere di Maurizio Rapiti trovano la propria ragion d'essere, e mentre il reale si esprime nelle forme e nei giochi di luce e ombre, la componente onirica è lasciata alle scenografia delle opere e agli elementi ivi disposti allo scopo di interagire con l'osservatore chiamato spesso a individuare rimandi e citazioni. Maurizio Rapiti è infatti anche meta-pittore, nei suoi quadri ribalta spesso il ruolo raffigurante-raffigurato ponendo, ad esempio, nelle mani del soggetto raffigurato un pennello con il quale possa dipingersi. E' così che il pittore diventa egli stesso soggetto del suo quadro e nel suo essere consapevolmente prigioniero del processo di creazione se ne prende gioco barando nella sua rappresentazione.



ESTRATTO CRITICO del Prof. Franco Ruinetti:
La dimensione della mente è più grande di quella del reale, così viene da credere quando si considerano i dipinti di Maurizio Rapiti, il quale spazia, nel corso della produzione, con la coerenza del figurativo, dalle latitudini dell’esperienza quotidiana alle proiezioni nel mondo surreale. Siamo di fronte ad un artista che, almeno nelle opere, rivela una forte tempra con il lampeggiare dell’originalità.
Il mattino è colmo di luce, colori, di dolce giovinezza in un quadro nel quale la vita è leggera come la musica. Due giovani, lui e lei, nella beatitudine della bellezza, loro e del creato, sono seduti in un’imbarcazione che sembra sospinta dalle note della musica. Si assiste alla primavera sempre nuova della natura e dello spirito, melodia di colori. Il suonatore della chitarra è l’artista stesso, che troviamo sulle scene anche di altre tele. La qual cosa sorprende un po’ e però convince. Il direttore d’orchestra non è mai altrove, ma partecipa all’evento in prima persona. Poi, con una certa frequenza, i colori si spogliano degli slanci luminosi, sostano nella concentrazione dei silenzi, nelle cui radure appaiono delle figure derivanti dal desiderio piuttosto che dal sogno perché sono sempre seducenti e dolci. Tali presenze femminili, forse, raccontano vari momenti di una stessa storia vissuta, che torna alla mente nei sommovimenti emozionali su un’isola di cielo fra le nuvole, in uno scorcio del paese natale oppure nell’orizzonte della solitudine.
Sovente le pitture di altri artisti del genere surreale propongono motivi desolati. Invece Rapiti, anche al di là del tempo e della realtà, va incontro al piacere di vivere.






" ..... La dimensione della mente è più grande di quella del reale, così viene da credere quando si considerano i dipinti di Maurizio Rapiti, il quale spazia, nel corso della produzione, con la coerenza del figurativo, dalle latitudini dell’esperienza quotidiana alle proiezioni nel mondo surreale . "
Prof. Franco Ruinetti

" Nelle opere di Maurizio Rapiti è tangilbile una delicata prepotenza delle atmosfere che trascinano l'osservatore in una condizione emotiva di smarrimento . Le cromatiche e la composizione dell'opera pregna di surrealismo e geometrie , ci trascina dentro un'esperienza assolutamente introspettiva . "
Riccardo Antonelli - Artista

" ... Elaborato nella tecnica, raffinato nell’esecuzione di soggetti . Questo si legge nei dipinti di Rapiti , saturi e pervasi di un’atmosfera bruna, scura, ma mai ombrosa nel sentimento. "
Dott. Lorenzo Fiorucci



* Miglior Artista Giovane - FighilleArte 2009
* Menzione di Merito della Giuria - FighilleArte2010
* 2° Classificato - Chimera Arte Arezzo 2010
* Premio di Alta Onorificenza del Ministro della Gioventù - Biennale Solierarte 2011
* Medaglia d'Oro del Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo - Martinsicuro (TE) 2011
* Pennello D'oro - FighilleArte 2011
* 3° Classificato - Chimera Arte Arezzo 2011
* Finalista - Premio Cascella (CH) 2012
* 2° Premio Ex Aequo - La Margherita D'argento - Cesena 2012
* Finalista - Premio Cromica (AR) 2012
* 1° Classificato Sezione Giovani - Premio Cupra Marittima 2012
* Premio ANPI - Premio Città di Trivero (BL) 2012
* Premio Acquisto - Martinsicuro (TE) 2012
* Premio Acquisto - FighilleArte 2012
* Premio Acquisto - Civitella della Chiana (AR) 2012
* Menzione di Merito della Giuria - Chimera Arte Arezzo 2012
* Menzione di Merito della Giuria - Biennale di Foiano (AR) 2013
* Premio Speciale "La Margherita d'Argento" - Cesena 2013
* Premio Under 35 - Note a Colori - Forlì (FC) 2013
* Menzione Speciale della Giuria - Biennale Soliera (MO) 2013
* Finalista Premio Cascella - Ortona (CH) 2013
* 1° Premio - Concorso Ancos Confartigianato - Licata (AG)
* Pennello d'Oro - FighilleArte (PG) 2013









No comments:

Followers

Blog Archive

Labels

Related Posts with Thumbnails